Il 29 ottobre dell’anno 2000 fu inaugurata la “Casa del Bambino” nella cittadina di Postawi, nel nord della Bielorussia. La “Casa” fu voluta dalla Presidenza e da un gruppo di giovani dell’MDE di Napoli. In quell’occasione il Presidente dell’MDE si sentì proporre dalla professoressa Olga Krukovskaya la presenza di un piccolo Coro di alunni dell’Accademia Musicale di Minsk all’inaugurazione. Ovviamente il Presidente accettò. Venne il Coro. Aveva un magnifico repertorio di musica sacra ortodossa. Il Coro animò la celebrazione della solenne Messa, celebrata dal vescovo della diocesi di Vitebsk, il monsignore Blinn. Era presente anche l’ambasciatore d’Italia a Minsk, dottor Giovanni Cerruti. La celebrazione fu veramente esaltante. Il Coro accettò la proposta del nostro Presidente di collaborare con l’MDE di Napoli per sovvenzionare delle iniziative in Bielorussia. I membri del Coro furono entusiasti dell’idea e iniziarono la tournée, abitualmente nel mese di dicembre, a Napoli e provincia, che si ripetè fino al 2005. Alcuni membri del Coro, giovani, ma già titolari della direzione di vari Cori, ebbero l’idea di comporre degli arrangiamenti (per 4 voci a cappella) di varie canzoni tradizionali di Napoli. La direzione dell’ensemble toccava alla maestra Inessa Bodiako, mentre la professoressa Krukovskaya curava la corretta pronunzia in lingua napoletana. Le loro performance sono state proposte in varie sale e chiese di Napoli e di Salerno. Il successo fu enorme; la partecipazione del Coro per le spese di strutture e iniziative fu notevole. Dei loro repertori furono pubblicate anche parecchie cassette, che andarono subito a ruba. Oggi il piccolo Coro di quegli anni assomma settanta elementi, in massima parte già laureati nell’Accademia Musicali di Minsk. Il Coro continua a partecipare a festival internazionali. Abitualmente conclude i festival classificandosi ai primi posti; spesse volte ha ottenuto il “Grand Prix”. I membri del Coro sono cattolici, ortodossi e protestanti.

di Pasquale Sommariva

Pubblicazioni recenti

Lascia un commento